5 lunedì Quaresima - Sito di don Antonello

Sito di don Antonello
Vai ai contenuti

5 lunedì Quaresima

Liturgia della Parola > Quaresima > Quaresima 5 settimana
5 lunedì Quaresima

Gesù è in cammino, va verso Gerusalemme dove verrà crocifisso e incontrerà la morte, e questo viaggio che lo porterà alla sofferenza, lo affronta con molta serenità, con la pace nel proprio cuore, con la pace dentro di sé, perché in lui c'è viva la presenza di Dio Padre: Gesù vive in intimità con il Padre.
Come abbiamo notato, in quest’ultimo periodo il Vangelo ci mostra che cresce sempre più la tensione e l’incomprensione verso Gesù: cresce l’odio nei suoi confronti, e i farisei cercano in tutti i modi di metterlo in imbarazzo (ricordiamo l’episodio dell’adultera sulla quale deve dire se lapidarla o no, e poi ci sono le accuse perché non rispetta il sabato e perché si sente simile a Dio). Eppure Gesù non si arrende, non fugge, non evita di mostrarsi.
Attorno a lui ci sono tante persone che lo abbandonano, e i farisei lo accusano che con le sue parole e i suoi insegnamenti cerca di destabilizzare il loro insegnamento. Ma per Gesù è importante il suo rapporto intimo con Dio Padre, ed è importante l’annuncio della Parola di salvezza.
“Io sono la luce del mondo; chi segue me, non cammina nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”, annuncia Gesù, e ancora oggi è lui la luce del mondo, è lui che illumina, è lui che rischiara, e non di luce propria, ma illumina con la luce del Padre. Il Signore è la luce del mondo, è l'unico che riesce a illuminare le nostre tenebre, anche nei momenti di fatica, di tristezza e di sconforto.
Se vogliamo conoscere pienamente Dio Padre, dobbiamo conoscere Gesù, ascoltando e vivendo la sua Parola: solo così sperimenteremo “la luce della vita”.
"Con te, Signore, non temo alcun male", abbiamo ripetuto al Salmo Responsoriale: questo versetto, più che con le nostre parole e con la nostra bocca, esclamiamolo con tutta la nostra vita: "Con te, Signore, non temo alcun male".

Torna ai contenuti