Maria Madre di Dio - Sito di don Antonello

Vai ai contenuti

Maria Madre di Dio

Liturgia della Parola > Tempo di Natale
Maria Madre di Dio
Ieri abbiamo buttato via il vecchio calendario, e oggi, 1 gennaio, iniziamo un nuovo anno che Dio mette a nostra disposizione, ed è bello che all'inizio di un nuovo anno, possiamo ascoltare la benedizione che la prima lettura ci propone: “Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace”. Ne abbiamo bisogno, ed è questo l’augurio che oggi dovremmo rivolgere agli altri: la Benedizione di Dio.
Questa benedizione trova il suo compimento in Maria, la Madre di Dio, perché da Lei è nata la benedizione per tutta l’umanità: è nato Gesù. Siamo ancora nel Tempo natalizio, (oggi è l’Ottava di Natale), e nel bambino della grotta di Betlemme, nell’Emmanuele, che è il Dio-con-noi, contempliamo Dio che si è incarnato, che è venuto a stare con noi. E oggi siamo invitati a meditare su questo Bambino, che è la nostra benedizione, e su sua Madre che lo ha generato.
La Chiesa pone questo nuovo anno sotto il segno di Maria, Madre di Dio e Madre di ciascuno di noi. Il popolo cristiano l’ha sempre riconosciuta come Madre di Dio, in particolar modo nel 431, quando al Concilio di Efeso, Maria era stata definita “Madre di Dio”, “Theotokos”, e fuori, il popolo già la riconosceva e la acclamava: “madre di Dio!”
Oggi il Vangelo ci annuncia che Maria ha dato alla luce un Bambino, uguale agli altri bambini che sono nati, ma che è diverso perché è il Figlio di Dio incarnato, come ci dice Paolo nel brano della Lettera ai Galati: “Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, …, perché ricevessimo l’adozione a figli”. Quel bambino che noi contempliamo è il Cristo Signore, è il Messia, è il Figlio di Dio, colui che ci ha salvato con la sua Croce, e quindi Maria, che lo ha generato, è la Madre di Dio. Oggi ricordiamo la Madre perché colui che lei ha generato è Dio stesso: Maria, Madre di Dio.
Maria ha accolto nella sua vita il progetto di Dio, e attraverso il suo generoso “si” che ha pronunciato, Dio si è potuto incarnare ed è diventato uomo come noi, divenendo “luce” per ogni uomo, e ci ha mostrato la via della pace. E la pace, ripeto, non è solo un ideale che dobbiamo raggiungere, ma la Pace è una Persona, è Dio, è Gesù Cristo. Solo se siamo uniti a Dio, Padre buono e Amore, possiamo realizzare la vera pace, e per avere questo dono divino della pace, dobbiamo cercare di avere sempre giustizia con gli altri, evitando ogni forma di schiavitù. Oggi è la “Giornata mondiale della Pace”, e la pace è possibile realizzarla, ma per poterla realizzare dobbiamo avere sempre l’amore per tutti gli altri, e, prima di tutto, ci deve essere la preghiera. Purtroppo, nel nome di Dio, oggi si continuano a uccidere le persone, anche innocenti, cosa che anticamente ha fatto anche la Chiesa. Ma Dio è Pace, Dio è Amore, Dio è Misericordia, Dio non vuole la morte degli altri.
Oggi, primo dell’anno, ci mettiamo sotto la protezione di Maria Santissima, Madre di Dio e Madre di ciascuno di noi, e a lei affidiamo le nostre preghiere, perché ci possa accompagnare in questo nostro cammino che ci conduce a Dio e ai fratelli, insegnandoci la strada, perché anche noi possiamo essere costruttori della vera pace, della vera presenza di Dio Amore, nel nostro mondo.

Torna ai contenuti