4 lunedì Quaresima - Sito di don Antonello

Sito di don Antonello
Vai ai contenuti

4 lunedì Quaresima

Liturgia della Parola > Quaresima > Quaresima 4 settimana
4 lunedì Quaresima

Il Vangelo di Giovanni è chiamato il Vangelo dei segni, dei miracoli che Gesù compie per far crescere la fede verso Dio, e questi segni che compie sono il miracolo alle nozze di Cana (primo dei suoi segni miracolosi), la guarigione del figlio di un funzionario del re (il vangelo odierno, il secondo segno), la guarigione del paralitico e del cieco nato, la risurrezione di Lazzaro.
Nessuno è bene accetto in patria, e lo sa anche Gesù, che aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Ma, inaspettatamente, quando torna a casa riceve un'ottima accoglienza. Che cosa è successo? I suoi compaesani hanno scoperto che Gesù è piuttosto famoso e, incuriositi, si sono finalmente decisi ad ascoltarlo senza pregiudizi. Come succede anche a noi, che spesso mettiamo da parte le persone che ci stanno a fianco e che consideriamo inutili, e che poi valorizziamo quando altri ci mostrano che sono persone che valgono.
E qui a Cana si presenta anche un funzionario regio, che chiede la guarigione di suo figlio che sta morendo. I miracoli, i segni, Gesù non gli compie per fare in modo che gli altri credano, ma compie questi segni per aiutare e confermare il cammino di fede che è già iniziato. I miracoli che Gesù compie confermano che in lui è presente la potenza di Dio, e, quindi, la nostra fede in lui e nella sua Parola, non è vana, non è inutile.
Alla richiesta del funzionario di guarire suo figlio, Gesù gli risponde: “Va’, tuo figlio vive”, e quell'uomo credette alla Parola di Gesù! Non credette dopo aver visto il Figlio guarito! Il funzionario aveva fede in Gesù, e questa favorisce il miracolo. Infatti il funzionario non assiste al miracolo, ma crede in Gesù, crede nella sua Parola! Questa sua fede gli viene confermata al suo ritorno a casa, quando trova il figlio guarito!
La fede del funzionario, è ancora fragile, ma cresce a tal punto, tanto che "credette lui con tutta la famiglia". Il funzionario si è mosso fidandosi solo della parola di Gesù, e, dopo che ha visto il segno, la sua fede ha raggiunto la pienezza.
Come è la nostra fede? Ci fidiamo della Parola di Gesù, o anche noi cerchiamo segni e prodigi per fidarci di Lui?

Torna ai contenuti