3 martedì Quaresima - Sito di don Antonello

Sito di don Antonello
Vai ai contenuti

3 martedì Quaresima

Liturgia della Parola > Quaresima > Quaresima 3 settimana
3 martedì Quaresima

Oggi il tema che il Vangelo ci presenta è quello del perdono: viviamo in un mondo nel quale il perdono è visto come una debolezza, come una cosa che fanno le femminucce, e la Chiesa e la Parola di Dio, invece ci richiedono il perdono anche quando ci capita qualcosa di triste e di doloroso. Gesù ci insegna che dobbiamo essere disposti a perdonare sempre, con cuore libero, generoso, misericordioso.
Pietro vuole essere generoso, si avvicina a Gesù e afferma che è pronto a perdonare il fratello fino a sette volte, mentre i rabbini pensavano fino a tre volte. Pietro è più generoso. Ma la risposta di Gesù sconvolge le idee di Pietro e forse sconvolge anche l’idea di ciascuno di noi, e risponde: “Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette!”. Una mamma alla quale è stato ucciso il figlio, può perdonare? È già difficile perdonare una volta, e il Signore ci dice di perdonare sempre.
Mi dai un pugno? Te lo restituisco. Mi offendi? Tranquillo che prima o poi mi vendico e te la faccio pagare. È questo il nostro modo di ragionare, e così continua la violenza, la divisione, l’odio e la guerra!
Dobbiamo prendere esempio da Dio. Impariamo a perdonare “senza misura”, perché Dio ci ha perdonato sempre “senza misura”. Perdoniamo gli altri, perché a noi da Dio è stato perdonato cento volte di più, perdoniamo perché noi per primi abbiamo sperimentato il perdono di Dio. Perdoniamo per essere figli credibili di questo Padre buono che fa piovere sui giusti e sugli ingiusti, senza differenze.
Il nostro mondo ha bisogno di gesti di perdono. Proviamo a cambiare mentalità, a renderla più simile a quanto il Signore Gesù ci chiede. Ricordiamo sempre il perdono e l’amore che Dio esercita nei nostri confronti, e impariamo anche noi a fare altrettanto con chi ci ha offeso: un po’ di male verrà vinto ed un po’ più di bene si diffonderà, anche se dovremo “patire” un po’, come Gesù Cristo!

Torna ai contenuti